Hai già provato i prodotti MJ? Scoprili qui
31 maggio 2018 | Beauty Vintage

Trucco occhi anni ‘70: colori, eyeliner e…cura della pelle!

Photo by ranxzevox.blogspot.it

Gli anni ‘70 sono stati epici, colorati e intensi così come volevano la moda e il make-up! Il trucco occhi di questo periodo è particolarmente impegnativo da replicare, ma è ancora molto glamour e accattivante, a patto che la skincare non sia stata trascurata…!

 

Sono gli anni del Presidente Nixon e dello scandalo “Watergate”, dei figli dei fiori e dei ragazzi alla Tony Manera,  tra power flower e disco music. Insomma, gli anni ’70 sono stati caratterizzati da tanti avvenimenti e tendenze in cui, in questo contesto, anche il make-up diventa protagonista: gli occhi diventano il fulcro del look, adornati da ombretti brillanti o pastello, applicati sulla palpebra mobile e con sfumature molto marcate, con prodotti stesi quasi come linee nette sulla parte superiore dell’occhio. Icona italiana di questo tipo di make-up è Mina, diva immortale ed emblema dello stile e delle tendenze di quel tempo.

 

Come realizzare un trucco occhi anni ‘70

Più che al fondotinta, alla cipria e al blush, sono gli ombretti colorati, i prodotti indispensabili per il look di quest’epoca. Realizzarlo non è semplicissimo, ma è sufficiente comprendere la tecnica alla base per riuscire a replicarlo. Innanzitutto, la sfumatura sulla palpebra somiglia quasi alla curvatura di una banana, linea morbida ma precisa che si sfuma e si unisce con un altro ombretto sulla palpebra fissa. Solitamente, gli ombretti applicati sulla palpebra inferiore e superiore sono quasi sempre dello stesso colore, ma di una differente tonalità, mentre le colorazioni sono sempre accese e brillanti o color pastello, dal finish shimmer e dunque luminose. Aiutano la realizzazione l’utilizzo di un pennello piatto col quale applicare l’ombretto lungo la palpebra inferiore, sfumandolo verso l’esterno, andando a congiungerlo con quello della palpebra superiore creando l’illusione che l’occhio sia più grande. Il tutto può essere accentuato dalla matita bianca nella rima interna dell’occhio e da quella nera applicata sul bordo esterno della stessa, seguendo la linea naturale delle ciglia, ad accentuare la brillantezza e l’intensità dei colori, il contrasto con tanto mascara nero, eyeliner spesso e, talvolta, l’uso di ciglia finte. L’eyeliner nero definisce lo sguardo tracciando una linea sulla palpebra mobile, rimarcando l’attaccatura delle ciglia verso l’esterno dell’occhio. Le ciglia nere, lunghe e folte intensificano lo sguardo aiutando a conferire l’illusione che gli occhi siano più grandi.

Sul viso invece l’effetto è più naturale: solo fondotinta leggeri e liquidi, per un effetto no-makeup con un tocco luminoso e perlato, che riprenda la freschezza dei colori pastello, mantenendo l’effetto nude sulla pelle. Per ottenere questa combinazione pearl-nude sulla pelle, gli illuminanti sono fondamentali, soprattutto per far risaltare gli zigomi e portare l’attenzione sugli occhi.

 

Idratazione della pelle: resa e tenuta del make-up

Il trucco anni ‘70 è impegnativo e audace, ma non troppo difficile da realizzare, soprattutto se si lavora preventivamente alla tenuta. In questo senso, non significa che sia sufficiente applicare il primer occhi – una tipologia di prodotto dalla funzione uniformante –  anche perché questo cosmetico, per poter svolgere la sua funzione, secca la pelle in modo da fare sì che il make-up duri a lungo. Ecco perché è fondamentale idratare la pelle prima di applicare il make-up in modo da preparare la cute, evitando che il primer accentui le rughe e la pelle cascante, specialmente quella delle palpebre. In sintesi, per realizzare un trucco occhi come quello della moda anni ’70, il primer occhi è utile solo se la pelle e la zona contorno occhi sono stati adeguatamente idratati con una crema viso giorno dal rapido assorbimento e dalla texture leggera.

La base per il trucco ideale per questo tipo di make-up, e più in generale per qualsiasi look molto complesso, è una crema idratante viso da applicare dopo la detersione con un tonico purificante. In questo modo, la pelle è protetta e riesce a trattenere i pigmenti colorati, rendendo più semplice l’applicazione, oltre che più duraturo il trucco durante la giornata.