Hai già provato i prodotti MJ? Scoprili qui
13 marzo 2018 | Prodotto VS Prodotto

Acqua micellare o latte detergente? Struccanti a confronto

Acqua micellare o latte detergente Struccanti a confronto
Cos’è l’acqua micellare e quali sono le differenze tra questo prodotto struccante e il latte detergente? Il démaquillage è uno step importantissimo della skincare quotidiana, ma è sufficiente rimuovere il trucco per purificare la pelle prima di andare a dormire?

 

La risposta a tutte queste domande la si può trovare attuando un confronto tra questi prodotti struccanti partendo dalle loro caratteristiche peculiari. Entrambi svolgono la stessa funzione, ovvero quella di rimuovere il trucco delicatamente e al contempo lenire la pelle, ma con una sostanziale differenza: mentre l’acqua micellare si può applicare sul viso, sugli occhi e sulle labbra, il latte detergente spesso è indicato solo per il viso e non per gli occhi. Questo aspetto dipende dalla loro differente composizione e consistenza, dettagli che ora andiamo ad approfondire.

 

Acqua micellare: cos’è e come agisce

L’acqua micellare è un detergente per il viso ideato per rimuovere il make-up e le impurità da viso e contorno occhi. Si presenta praticamente inodore e incolore proprio per via della sua base acquosa che la caratterizza. La sua particolarità risiede nella tecnologia delle micelle, tensioattivi che si agglomerano in microscopiche sfere capaci di inglobare le impurità, il sebo, il make-up e le tracce di smog eliminandole al contempo. Queste micelle infatti, hanno la capacità di captare le sostanze che vanno rimosse dalla cute come se venissero attratte da loro, legandosi sia con sostanze idrosolubili che liposolubili senza alterare l’equilibrio fisiologico della pelle o modificarne la struttura. In più, nell’acqua micellare, oltre i suoi elementi costituitivi spesso sono presenti anche principi attivi ed estratti naturali ad azione idratante e lenitiva che contribuiscono ulteriormente a restituire la pelle del viso tersa e al contempo nutrita.

 

Come si usa l’acqua micellare

Uno degli aspetti caratteristici dell’acqua micellare è la sua praticità: è sufficiente inumidire un dischetto di cotone con un po’ di questa soluzione e tamponare sul viso lasciando agire per qualche secondo le micelle sulle zone maggiormente truccate del viso, come per esempio gli occhi. Solitamente, l’acqua micellare non richiede il risciacquo, anzi: l’acqua del rubinetto e il calcare in essa contenuto potrebbero appesantire la pelle vanificando l’azione purificante di questo prodotto detergente. In ogni caso, può capitare di avvertire la necessità di pulire ulteriormente il viso per via della patina più o meno consistente che resta dopo aver passato il dischetto imbevuto di prodotto. Per questo motivo, piuttosto che sciacquare il viso, si consiglia di utilizzare un tonico o un gel detergente per ottimizzare l’effetto dell’acqua micellare.

 

Latte detergente: caratteristiche e composizione

Il latte detergente prende il nome dalla sua peculiare formulazione che conferisce a questo detergente un’emulsione fluida lattiginosa, per l’appunto. Come per l’acqua micellare, la sua azione è sia pulente che protettiva poiché non intacca il naturale film idrolipidico protettivo della pelle. A differenza dell’acqua invece, il latte detergente ha base lipidica in grado di emulsionare le impurità e i residui di trucco mescolandosi a loro per poi disperderli. In questo modo, l’impatto sulla pelle del viso è attenuato e la cute non subisce alterazioni. Anche il latte detergente spesso è costituito da principi attivi ed estratti naturali dal potere emolliente, lenitivo e idratante in grado di nutrire l’epidermide con delicatezza. Per questo motivo è un prodotto indicato per la preparazione del viso alle fasi successive del trattamento, cioè all’applicazione del siero o della crema viso; una sorta di step preliminare propedeutico all’idratazione della cute.

 

Come si usa il latte detergente

L’applicazione del latte detergente può avvenire o con un dischetto di cotone o direttamente con i polpastrelli eseguendo dei movimenti circolari utili per agevolare l’azione emulsionante e asportare i residui di trucco, sebo e impurità con più facilità. Con questo massaggio, inoltre, la pelle assorbe le sostanze nutritive e idratanti e può beneficiare anche di un effetto levigante. Il latte richiede la rimozione dei residui di prodotto con l’ausilio di un dischetto di cotone pulito oppure con dell’acqua tiepida o acqua termale. In ogni caso, il latte detergente non può essere utilizzato sugli occhi e richiede quasi sempre l’apporto dell’azione di un tonico purificante. Infatti, il latte detergente è un prodotto per la detersione molto ricco che rischia di ostruire i pori se non viene rimosso correttamente o se il prodotto utilizzato è particolarmente grasso.